Tra le apparizioni strettamente collegate al dogma dell’Immacolata Concezione, è particolarmente utile ricordare il dono fatto dalla Madonna a Santa Caterina Labourè il 27 Novembre del 1830 a Parigi in Rou du bac.Proprio in quella veglia d’Avvento la Santa Vergine apparve vestita di un abito di seta bianca e teneva tra le mani il mondo stringendolo all’altezza del cuore. L’immagine era racchiusa in un ovale come si delineasse il bozzetto di una medaglia, contornata da una scritta in lettere d’oro “O Maria Concepita senza peccato prega per noi che a Te ricorriamo”. Invocazione a quei tempi inusuale.

Successivamente la cornice ruotò, e sul retro, apparve la lettera “M”, iniziale del nome di Maria, sormontata da una croce senza crocifisso che aveva come base la lettera “J”, iniziale del nome di Gesù. Sotto la “M” vide il cuore di Gesù, coronato di spine, e il cuore di Maria, trafitto da una spada. La Vergine Santa chiese a Caterina Labourè di fare coniare una medaglia su questo modello. Coloro che l’avrebbero portata al collo con fiducia, avrebbero ricevuto grandi grazie. In poco tempo si propagò questa medaglia per i miracoli concessi e venne chiamata “Medaglia Miracolosa”.

Il nostro Gruppo di Preghiera esiste sin da quando la Chiesa di S. Vincenzo De’ Paoli divenne Parrocchia.
Il nostro carisma consiste nel recitare il Rosario ogni giorno alla SS.ma Vergine per implorare le grazie. Il segno che portiamo di Maria SS.ma è il cordone con la sua immagine della medaglia miracolosa, e un foulard azzurro per indicare il manto di Maria per la sua protezione. Il nostro Gruppo ha uno stendardo che mettiamo esposto durante le celebrazioni delle SS. Messe; per le solennità della Madonna e per le consacrazioni.